• Home
  •  > Notizie
  •  > Papà muore a 26 anni. Cinque mesi di agonia dopo l’incidente in moto all’Arcella

Papà muore a 26 anni. Cinque mesi di agonia dopo l’incidente in moto all’Arcella

Troppo gravi le lesioni causate dall’incidente in cui era rimasto vittima il 20 maggio scorso. Lascia una compagna di 23 anni e una figlia di due

CADONEGHE. Dopo cinque mesi di agonia, trascorsi in un letto d’ospedale, Vasile Tirsina, 26enne di Cadoneghe, è spirato: troppo gravi le lesioni causate dall’incidente in cui era rimasto vittima il 20 maggio scorso all’Arcella.

Lascia una compagna di 23 anni e una figlia di appena due, la mamma e le sorelle. Hanno pregato e sperato, al suo capezzale per 142 interminabili giorni, però sebbene Vasile abbia dato deboli segni di miglioramento, il suo fisico, seppur robusto, sabato sera ha ceduto.

«Nonostante sapessimo che questo momento sarebbe arrivato» racconta la sorella Olga «perché i dottori non ci hanno mai dato speranze, è un colpo troppo forte per noi. Vasile era troppo importante per noi, lo amavano troppo e ci manca da morire. Abbiamo vissuto per cinque mesi l’orrenda sensazione di persone impotenti, mentre con il cuore avremmo voluto fare di più. Abbiamo capito che fargli sentire la nostra presenza e il nostro amore era l’unica cosa da fare e così ogni giorno lo raggiungevamo nella terapia intensiva, accarezzandolo e tenendogli la mano».

Vasile, originario della Moldavia, viveva a Cadoneghe fin da bambino: lavorava come saldatore e seppur giovanissimo aveva creato una famiglia insieme alla sua compagna e alla sua bimba, che ancora aspetta a casa il suo ritorno. La motocicletta era il suo sogno, avveratosi quando s’era comprato un Ducati 600.

E in moto il 20 maggio scorso stava percorrendo via Tiziano Aspetti all’Arcella quando si è scontrato contro un’auto che svoltava in via Temanza.

Gravissime le lesioni alla testa e alla colonna vertebrale: s’è sperato in un miracolo, non è avvenuto. Oggi alle 11.15 si terrà il funerale nella chiesa ortodossa di via Tunisi a Padova. ––

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Pubblicato su Il Mattino di Padova