• Home
  •  > Notizie
  •  > Cadavere nel Po: la donna è stata uccisa con un'arma da taglio

Cadavere nel Po: la donna è stata uccisa con un'arma da taglio

Dopo l'uccisione, alla vittima sono amputate le mani ed è stata decapitata. Quanto al dna, non sarebbe emerso finora nulla dalle comparazioni

ROVIGO.  Il cadavere ritrovato nel Po a Occhiobello (Rovigo) il 4 aprile scorso è quello di una donna morta in seguito a ferite di arma da taglio. Dopo l'uccisione, alla vittima sono amputate le mani ed è stata decapitata. Ancora non si sa con esattezza quale sia stata l'arma usata per l'assassinio. Sono questi gli sviluppi degli ultimi accertamenti medico legali.

Quanto al dna della donna non sarebbe emerso finora nulla dalle comparazioni.

La vittima non aveva più di 30 anni, di pelle bianca. Il corpo era stato messo in un borsone che si era arenato su alcuni massi vicino alla riva del fiume. La scoperta era stata fatta da due dipendenti Aipo che facevano una ricognizione con il motoscafo. 

Pubblicato su Il Mattino di Padova