• Home
  •  > Notizie
  •  > Malore nel suo locale di Abbazia Pisani. Muore lo storico ristoratore Trento

Malore nel suo locale di Abbazia Pisani. Muore lo storico ristoratore Trento

Era il titolare della pizzeria “Al Corvo” di Abbazia Pisani. Rilevato il locale 50 anni fa, aprì in seguito l’hotel Desiderio

VILLA DEL CONTE. Ha vissuto lavorando, costruendo dal nulla una delle prime pizzerie della zona, ed è morto lavorando.

Si è spento all’improvviso venerdì sera Egidio Trento: aveva 84 anni, è stato il fondatore e l’anima della pizzeria “Al Corvo” ad Abbazia Pisani. Un’attività familiare cresciuta nel tempo e che – oltre allo storico locale, bar e ristorante – si è allargata all’hotel Desiderio.

Egidio lascia la moglie Cecilia, i figli Paolo, Larry e Susy e i nipoti Nicola, Marco, Giada e Andrea. Un’epopea di fatica, sacrificio, tenacia: «Papà» ricorda il figlio Larry «continuava a lavorare con noi ed era il primo ad alzarsi, alle 5.30, ci scaldava le brioche per il nostro arrivo, e l’ultimo ad andare a letto, a mezzanotte».

Tutto è iniziato 50 anni fa: «Mamma e papà erano andati in Canada, qui non c’era niente, se non i soldi del viaggio per partire. Hanno lavorato all’estero otto anni: lui faceva il muratore, lei la cameriera. Facevano un servizio di pensione per altri emigrati, si aiutavano come potevano».

Larry è nato in Canada, mamma Cecilia era in dolce attesa di Susy nel viaggio di ritorno. «Si sono presentati in Comune a Villa del Conte per rilevare il casolino e bar “Al Corvo”, negli uffici li hanno sconsigliati perché l’attività non andava, ma loro ci hanno creduto. Papà, quando chiudeva, lavorava di notte per sistemare il locale. I clienti arrivavano e gli dicevano: “Ma questo muro ieri non c’era”. Era instancabile, lo è stato fino alla fine».

Il malore improvviso venerdì: «Era andato a prendere dei cartoni in magazzino, arrivato sul retro della pizzeria si è accasciato, è uscita una persona, poi siamo arrivati noi. Ha detto che era un piccolo malore, che si stava riprendendo, ma non riusciva ad alzarsi, e faticava a respirare. I soccorsi non sono bastati, ci hanno detto che è stato un infarto».

Il Corvo è il nome della contrada: «Avevano pensato di cambiare il nome, ma poi sono rimasti legati alla tradizione. Continuo a sentire persone che ci dicono che qui si sono innamorate, qui hanno conosciuto quella che sarebbe diventata la futura moglie». Egidio ad 84 anni era lo stakanovista: la sveglia prima dell’alba, le colazioni, «e poi puliva il parcheggio, preparava gli impasti, aveva la cultura del cliente, era stimato da gran lavoratore qual è stato: non ha mai fatto un giorno di ferie, il lunedì lo dedicava a mettere in ordine. Questa realtà, per lui che aveva visto la miseria, era la sua vita, il suo orgoglio». Dal negozio di alimentari al bar, dalla pizzeria al ristorante, fino all’hotel a tre stelle con 15 stanze: «Ci ha trasmesso passione e onestà». Il funerale sarà celebrato lunedì alle 10 in chiesa ad Abbazia Pisani. ––

Pubblicato su Il Mattino di Padova