• Home
  •  > Notizie
  •  > Insegnante di danza morta in casa a Chiesanuova

Insegnante di danza morta in casa a Chiesanuova

Fiorella Foti, 50 anni, residente in via Fermi 23, è stata trovata ieri sera nel suo appartamento: il decesso per cause naturali risale a 8 ore prima

CHIESANUOVA. L’hanno trovata sul divano di casa, il suo corpo sottile, ormai senza vita. Fiorella Foti, 50 anni, residente in via Fermi 23 a Chiesanuova, insegnante di danza, si è spenta ieri, probabilmente nella tarda mattinata. L’hanno trovata in serata, verso le 21.50, i poliziotti e i vigili del fuoco allertati dai familiari preoccupati perché la donna non rispondeva al telefono e alle chiamate. Inutile, purtroppo, qualsiasi soccorso, per lei non c’era più nulla da fare. Stando ai primissimi rilievi, Fiorella Foti sarebbe morta otto, forse dieci ore prima, per cause naturali.

Una morte, quella di Fiorella Foti, che crea profondo cordoglio in città dove la donna era molto conosciuta ed amata. Insieme al fratello gestiva infatti il Centro Danza Koreos, con sede in via Monterotondo. Una scuola specializzata sia in danza classica che in danza moderna e di cui Fiorella Foti era stata direttrice artistica. Una passione, quella della donna per il ballo, assoluta, un amore che sapeva trasmettere alle numerose sue allieve. Ma la danza - a certi livelli - è anche un impegno che richiede dedizione e sacrifici, oltre che regimi alimentari scrupolosi. Aspetto, questo’ultimo, a cui Fiorella prestava moltissima attenzione e che potrebbe averla indebolita.

Le ragioni esatte della morte, improvvisa e drammatica, devono comunque essere stabilite da approfondimenti successivi. I medici del Suem intervenuti ieri sera sul posto hanno escluso la morte per cause violente rilevando che il decesso risaliva ad 8-10 ore prima.

La polizia ha proceduto ai rilievi di legge e la relazione è stata trasmessa alla Procura di Padova che questa mattina deciderà se procedere o meno con l’autopsia. A lanciare l’allarme è stato dunque il fratello della donna di 45 anni. L’uomo, non ricevendo risposta al telefono e al campanello, si è subito preoccupato e ha dato l’allarme. Sul posto sono intervenuti i vigili del fuoco, la polizia e i medici del Suem. Vani, purtroppo, tutti i soccorsi.

©RIPRODUZIONE RISERVATA

Pubblicato su Il Mattino di Padova