• Home
  •  > Notizie
  •  > Pordenone, coppia uccisa a colpi di pistola

Pordenone, coppia uccisa a colpi di pistola

Il Procuratore: "Non è stata trovata l'arma del delitto, si tratta di duplice omicidio"

PORDENONE. «Siamo in presenza di un duplice omicidio». Lo ha affermato il Procuratore della Repubblica di Pordenone, Marco Martani, a proposito del giallo della coppia trovata morta in un'auto. «Il mancato rinvenimento dell'arma del delitto - ha aggiunto - adesso può considerarsi ufficiale».

«Dopo aver concluso i rilievi nell'abitacolo nel corso della notte - ha aggiunto Martani - e, stamani, alla luce del giorno, anche in tutta l'area attigua alla sparatoria, è chiaro che i due giovani sono stati uccisi da una terza persona e la pista dell'omicidio-suicidio cade definitivamente».

Il Procuratore ha anche spiegato che sono in corso rilievi scientifici e balistici e che nelle prossime ore il quadro potrà essere più chiaro. «Dalle prime verifiche - ha riferito - non sono emerse situazioni particolari o minacce più o meno recenti nei confronti della coppia, che pare conducesse una vita normale. I controlli proseguono senza soluzione di continuità e non tralasciamo alcuna pista».

I due morti sono Trifone Ragone, 29 anni, originario di Monopoli (Bari), sottufficiale dell’Esercito in servizio al 132/o Reggimento Carri di Cordenons, che fa parte della Brigata Corazzata Ariete e Teresa Costanza, 30 anni, originaria di Agrigento, laureatasi alla Bocconi nel 2010 in Marketing Management, dipendente delle Assicurazioni Generali. Entrambi sono stati trovati morti ieri sera all’interno della loro autovettura parcheggiata di fronte al Palazzetto dello Sport di Pordenone da dove erano appena usciti, freddati da colpi di pistola.

Pubblicato su Il Mattino di Padova