Chiese in Provincia di Rovigo - città di : Chiesa di San Giovanni Battista

Chiesa di San Giovanni Battista
S. Giovanni Battista

ROVIGO
P.zza Libertà 21 - Gurzone, Occhiobello (RO)
Culto: Cattolico
Diocesi: Adria - Rovigo
Tipologia: chiesa
La chiesa di San Giovanni Battista sorge in Gurzone all'interno dell'abitato, preceduta da un sagrato poco profondo, con orientamento SudEst-NordOvest. La chiesa, in mattoni a vista, presenta una facciata a capanna, con lesene d'angolo a tutta altezza. Al centro un arco a tutto sesto aggettante incornicia il portale e l'ampio rosone circolare strombato. Al centro del timpano si apre un ulteriore piccolo rosone circolare. Ai fronti laterali si addossano i volumi semicircolari di due cappelle... Leggi tutto
Fonte: BeWeB - Beni Ecclesiastici in Web

Dettagli

La chiesa di San Giovanni Battista sorge in Gurzone all'interno dell'abitato, preceduta da un sagrato poco profondo, con orientamento SudEst-NordOvest. La chiesa, in mattoni a vista, presenta una facciata a capanna, con lesene d'angolo a tutta altezza. Al centro un arco a tutto sesto aggettante incornicia il portale e l'ampio rosone circolare strombato. Al centro del timpano si apre un ulteriore piccolo rosone circolare. Ai fronti laterali si addossano i volumi semicircolari di due cappelle votive per lato. I fronti laterali sono forati da bifore a tutto sesto, così come, sul retro, l'abside.

Pianta

Schema planimetrico basilicale, a unica navata, coperta da volta a schifo, al di sotto della quale corre una cornice modanata in aggetto. Sulla navata si aprono, con archi a tutto sesto, le cappelle votive, a pianta semicircolare, coperte da volte a catino. Nelle pareti delle cappelle si aprono alte monofore a tutto sesto. Il presbiterio, rialzato di un gradino sul piano della chiesa, si apre sulla navata, con un arco a tutto sesto, su pilastri murali. A pianta rettangolare, a unica navata, è coperto da volta a botte. L'abside semicircolare è coperta da volta a catino.

Coperture

Tetto a falde con manto in coppi.

Pavimenti e pavimentazioni

Pavimento in lastre quadrate di marmo bianco e rosso, poste a scacchiera.

Elementi decorativi

Le vetrate delle monofore sono policrome, con scene tratte dalla Bibbia e figure di Santi.

Impianto strutturale

Strutture verticali in muratura di mattoni portante.

1300 - 1591 (preesistenze intorno)

Il primo documento in cui è menzionata la chiesa di S.Giovanni Battista di Gurzone sono le "Rationes Decimarum" del 1300. Nel 1410 la chiesa di S.Giovanni è citata anche negli "Estimi del Clero". Il vescovo Giovanni Tavelli nel 1434 è in visita pastorale a Gurzone, dove trova una povera chiesa, che gode solo del diritto di decima. Un'altra visita nel 1449 del vescovo Del Legname, che registra il giuspatronato esercitato sulla chiesa da Uguccione De' Contrari. Mons. Maremonti nel 1574 e mons. Fontana nel 1591 trovano la chiesa di "S.Joannis de Gorzono" unita a quella di S.Maria di Lagoscuro. Ha tre altari, il battistero e il cimitero intorno alla chiesa. Il diritto di giuspatronato nel frattempo è passato dai Contrari alla famiglia Pepoli di Bologna per successione ereditaria.

1629 - 1674 (costruzione intero bene)

Le relazioni delle visite pastorali successive non riportano novità di rilievo sino a quella del card. Magalotti (1629), dove si descrivono, oltre al campanile con due campane, i pericolosi segni di instabilità dell'edificio, che richiedono il controllo da parte di un perito. Distrutta la vecchia chiesetta nel 1669 dalle acque del Po in piena, viene prontamente ricostruita e il card. Cerri in visita nel 1674 registra che i lavori sono a buon punto: si vede già emergere la nuova costruzione nelle sue linee essenziali. Si tratta di un edificio semplice a una sola navata, con altare maggiore e due altari laterali, coro e battistero. Il campanile sorge accanto al coro.

1818 - 1825 (cambiamento diocesi intero bene)

Nel 1818-1819 la parrocchia di S.Giovanni Battista viene aggregata alla Diocesi di Adria e qualche anno dopo è visitata dal vescovo Ravasi, che trova una chiesa con tre altari: il maggiore dedicato a S.Giovanni Battista, gli altri due rispettivamente alla Beata Vergine del Rosario e a S.Antonio.

1936 - 1940 (ricostruzione intero bene)

Intorno agli anni trenta del novecento la vecchia chiesa presentava segni di preoccupante degrado e il parroco don Ettore Padovan assieme agli abitanti del luogo programmò la ricostruzione di tutto il complesso, che procederà a stralci. Progetto e direzione dei lavori saranno affidati all'ing. Mario Colognesi. Si iniziò dall'altare maggiore, consacrato nel 1936 dall'arcivescovo di Ferrara. Il più importante lotto di lavori interessò la navata principale, rifatta dalle fondamenta, le mura perimetrali, le cappelle laterali,, il battistero e la facciata. In piena guerra il 6 dicembre 1940 mons. Guido M. Mazzocco consacrò solennemente la nuova chiesa, rimandando a tempi migliori il completamento dell'opera.

1959 - 1977 (completamento intero bene)

Dopo gli eventi bellici, all'interno del piano di ricostruzione, fu eretto il nuovo campanile (1959-1960), progettato dall'ing. Dino Stori di Rovigo, dopo la demolizione del vecchio ormai pericolante. Nel 1977 si completò l'ultima serie di interventi comprendente l'abside, la sacrestia, l'archivio e l'altare stabile "coram populo", il primo realizzato nella Diocesi di Adria in sintonia con le prescrizioni del Concilio Vaticano secondo.

Mappa

Cimiteri a ROVIGO

Via Ca' Morosini 2 Lendinara (Ro)

Via Del Cimitero Taglio Di Po (Ro)

Via Dei Pini 10 (Ro)

Onoranze funebri a ROVIGO

Piaza Maggiore 10 Santa Maria Maddalena 45030 Occhiobello

Via Giuseppe Garibaldi 446 Bergantino

Via Nuova 1032 Corbola