• Home
  •  > Notizie
  •  > Ucciso da un malore mentre era alla guida Addio al “Guru”

Ucciso da un malore mentre era alla guida Addio al “Guru”

TRIBANO. Stava rientrando da una serata in compagnia di amici quando è stato colto da un malore fatale, mentre era alla guida della sua auto. Ha fatto in tempo ad accostare e chi era con lui ha chiamato il 118. Lucio Capuzzo, 70 anni, volto notissimo a Tribano nello sport come nel volontariato, è morto nella notte in ospedale a Schiavonia, tra lo stupore e il dolore dei compagni di sempre che avevano condiviso insieme le ultime ore.

La notizia della scomparsa di Girotto, ex elettricista e titolare di un negozio in centro, ma soprattutto infaticabile volontario e appassionato sportivo, ha fatto subito il giro del paese. Lucio lascia la moglie Luciana, il funerale sarà celebrato domani alle 15.30 nella chiesa parrocchiale, stasera alle 18.30 il rosario. «Lucio ci ha insegnato la libertà, la gioia di vivere, l’amore per la natura e il valore dell’amicizia» ricorda il sindaco Massimo Cavazzana. «Per tutti era “il Guru”, un guerriero di pace sempre pronto a coltivare i suoi sogni. È stato l’anima del Tennis Club a Tribano, grazie a lui questo sport ha trovato terreno fertile. Inoltre, con il suo contagioso entusiasmo, era sempre pronto a dare una mano in numerose realtà di volontariato. Impossibile non conoscerlo, è stato un amico per tutti e si è speso anche per la missione di Tamandarè in Brasile, che di tanto in tanto raggiungeva per dare una mano pure là. Il suo sguardo portava sempre il bagliore della gioventù».

Roberto Bazzarello, consigliere di opposizione, ricorda che «fino all’altro giorno Lucio ha dato lezioni di tennis e si prendeva cura dell’impianto nell’area parrocchiale. Negli anni ha contagiato centinaia di giovani mettendo loro in mano una racchetta. Domenica sera lo avevo visto anche io, stava aspettando gli amici in piazza, era sereno, era quello di sempre». —

Nicola Stievano

Pubblicato su Il Mattino di Padova