• Home
  •  > Notizie
  •  > Il torace schiacciato dalla valanga di terra Così è morto l’operaio

Il torace schiacciato dalla valanga di terra Così è morto l’operaio

Schiacciamento toracico con lesioni di alcuni organi interni: ecco la causa di morte per il 47enne Pietro Voltan di Polverara, l’operaio di AcegasApsAmga in servizio nel cantiere del nuovo impianto idrico in via Montà il 14 ottobre scorso. Stava collegando con alcune viti la giunzione di due grossi tubi della nuova rete idrica che trasferisce l’acqua dalla “fonte” nel Vicentino a Padova. E lavorava all’interno in una grande buca profonda tre metri, di almeno 5 metri per lato. All’improvviso da una parete laterale si è staccata un’enorme massa di terra, sassi e asfalto che gli è piovuta addosso e lo ha sepolto. Sono le 9.30. Dalla valanga di terra spunta una mano di Voltan, mentre il collega Nicola Pinton, 33 anni di Villafranca, è sepolto fino all’addome ma vivo. In pochi minuti arrivano i soccorritori del 118: Voltan è estratto dai colleghi e l’équipe medica tenta un drenaggio toracico. Tutto inutile, ogni manovra rianimatoria è vana perché il trauma addominale è risultato fatale. È il quadro emerso dall’autopsia eseguita ieri dal medico legale Rafi El Mazloum su incarico del pm Giorgio Falcone, titolare dell’inchiesta. Nel corso dell’esame sono stati prelevati organi, tessuti e liquidi biologici in quanto è stato previsto – come di rito – l’esame tossicologico. Tempo 60 giorni per la relazione finale. All’esame ha partecipato il medico legale Maurizio Banfi per conto degli indagati di AcegasApsAmga (escluso il presidente del consiglio di amministrazione Tomaso Tommasi Di Vignano) e la dottoressa Barbara Bonvicini che, con l’avvocato Nathalie Tomasella, tutela la famiglia della vittima. Sotto inchiesta per omicidio e lesioni colposi per AcegasApsAmga, oltre a Di Vignano, l’ad Roberto Gasparetto; i dirigenti Franco Berti e Francesco Colussi; indagati per la ditta Veronese Impianti spa di Este il legale rappresentante Ugo Veronese; i dirigenti Pierangelo Cattaneo e Daniele Ottolitri. Pinton è ricoverato in ospedale con fratture a sei costole e al bacino. I lavoratori erano stati autorizzati all’intervento, tuttavia non sembra fosse stata completata l’installazione delle paratie per mettere in sicurezza i lati della buca. –

Pubblicato su Il Mattino di Padova