• Home
  •  > Notizie
  •  > Morto nel cantiere, sette persone indagate

Morto nel cantiere, sette persone indagate

Sotto inchiesta anche i vertici di AcegasApsAmga: «Noi sempre stati attenti alla sicurezza». Oggi l’incarico per l’autopsia

Sette indagati (quattro di AcegasApsAmga e tre dell’azienda Veronese Impianti) per l’incidente mortale avvenuto mercoledì scorso nel cantiere AcegasApsAmga in via Montà: un operaio è morto sepolto da una valanga di terra; il collega, che ha assistito impotente alla scena, è rimasto bloccato fino all’addome e sottoposto a un intervento chirurgico nell’Azienda ospedaliera dove si trova ancora ricoverato. Sotto inchiesta i vertici di AcegasApsAmga: il presidente del consiglio di amministrazione Tomaso Tommasi Di Vignano, 73 anni originario di Brescia; l’amministratore delegato Roberto Gasparetto, 63enne originario di Rovigo; il dirigente per la sicurezza della Direzione acqua Franco Berti, 61enne di Legnaro; e il pordenonese Francesco Colussi, 51 anni di San Vito al Tagliamento, responsabile del Servizio di Prevenzione e protezione. Con loro indagati anche Ugo Veronese, 50 anni di Este, legale rappresentante di Veronese Impianti spa; Pierangelo Cattaneo, responsabile per l’azienda del Servizio di prevenzione e protezione e, infine, Daniele Ottolitri, coordinatore per l’esecuzione dei lavori nella sede dell’impianto idrico di Montà. I reati contestati sono di omicidio colposo e lesioni colpose oltre a una serie di violazioni in materia di sicurezza sul luogo di lavoro. L’informazione di garanzia è stata notificata ai sette dal pubblico ministero padovano Giorgio Falcone, titolare dell’inchiesta. Stamane il magistrato affiderà al medico legale Rafi El Mazloum il compito di eseguire l’autopsia sul corpo della vittima, il 47enne Pietro Voltan di Polverara (originario di Casalserugo). All’accertamento potranno prendere parte anche eventuali consulenti di parte, ovvero gli esperti nominati dagli indagati e dalla famiglia dei lavoratori coinvolti.

«L’Azienda ha sempre operato dedicando alla sicurezza dei lavoratori e dei luoghi di lavoro la massima attenzione» dichiara l’amministratore delegato di AcegasApsAmga Roberto Gasparetto, «destinando risorse finanziarie ingenti e impegno formativo costante e specialistico per tutto il personale. L’impegno dell’azienda in tal senso è anche dimostrato dalla certificazione OHSAS 18001/ISO 45001 in materia di sicurezza riconosciuta ad Acegasapsamga fin dal 2015». Per quanto riguarda la posizione di indagato del presidente del cda Tommasi di Vignano, in una nota AcegasApsAmga puntualizza che «la qualifica di datore di lavoro indicata per il dottor Tommasi non corrisponde agli incarichi deliberati dal consiglio di amministrazione». La mattina del 14 ottobre scorso nel cantiere dove erano in corso lavori per rendere più efficiente l’impianto idrico, gli operai di AcegasApsAmga Pietro Voltan e il collega Nicola Pinton, 33enne di Villafranca, lavorano a tre metri di profondità in un’area scavata dall’impresa Veronese Impianti, ditta specializzata che aveva ricevuto l’appalto dei lavori di escavazione dal Consorzio Innova. A momenti erano attesi i lavoratori della Veronese per posizionare le paratie e mettere in sicurezza quella buca. Tuttavia, all’improvviso, si stacca una “valanga” di terra e non c’è scampo per i due operai. —

Pubblicato su Il Mattino di Padova