• Home
  •  > Notizie
  •  > Alcol e velocità, tragico schianto in Bmw nel Trevigiano

Alcol e velocità, tragico schianto in Bmw nel Trevigiano

Muore passeggero 22enne di Noventa, indagato il giovane alla guida, risultato positivo all’alcoltest. Feriti gravi due amici

SALGAREDA. Avevano trascorso la serata in una pizzeria di Piavon. Poi, il rientro a casa, tutti assieme su una Bmw 320 nera. Dopo una decina di minuti lo schianto. Una curva secca a sinistra e l’auto che finisce in un fossato dalla parte opposta, ribaltandosi.

I due giovani che occupavano i posti davanti e che avevano le cinture allacciate, l’autista Patrik Angeli, 22 anni di Noventa, e Gaston Vogel Beita, suo coetaneo e compaesano, si sono salvati, riportando ferite lievi. Male è andata ai tre giovani che occupavano il sedile posteriore: erano tutti senza cintura e in quella parte la cappotta è ceduta sotto il peso dell’auto.

Uno, Nicolò Minello, 22 anni di Noventa, è morto sul colpo. Gli altri due, Giuseppe Greco, 29 anni di Meolo, e Valerio Castiglione, 22 anni di Noventa, sono stati ricoverati in gravi condizioni all’ospedale di Treviso. L’autista è risultato positivo all’alcoltest, anche se con un tasso di poco sopra il limite consentito (0,92).

L’incidente è avvenuto dieci minuti dopo aver lasciato la pizzeria di Piavon di Oderzo, dove avevano trascorso la serata. Poco prima delle 22.45 l’auto sulla quale viaggiavano i cinque giovani veneziani, mentre percorreva via Pizzocchera a Salgareda, una strada di campagna poco illuminata, è uscita di strada ribaltandosi. Si sono salvati i due giovani che occupavano i posti davanti, mentre i tre che occupavano il sedile posteriore hanno avuto la peggio. Uno è morto mentre gli altri due stanno lottando per la vita all’ospedale di Treviso dove sono stati ricoverati.

Angeli, che guidava il mezzo, dopo lo schianto s’è prodigato, nella disperazione del momento, ad aiutare i compagni rimasti incastrati all’interno dell’abitacolo in attesa che arrivassero i soccorritori del 118 e dei vigili del fuoco.

Le fasi dei soccorsi sono stati piuttosto laboriose e sono durate parecchio. Una volta liberati dall’abitacolo, i feriti più gravi sono stati trasportati all’ospedale di Treviso, gli altri a Oderzo. Per Nicolò Minello, purtroppo, non c’è stato nulla da fare. Il giovane di Noventa è morto schiacciato all’interno dell’abitacolo della Bmw.

Sul posto, per i rilievi di legge è intervenuta una pattuglia della polizia Stradale di Treviso. Al vaglio degli agenti, la velocità dell’auto guidata da Angeli, probabilmente non commisurata alle caratteristiche della strada e soprattutto alla scarsa illuminazione.

Sottoposto all’alcoltest, Angeli è risultato positivo con un valore di poco superiore allo 0,9. Un fattore, questo, che gli è costato una denuncia per guida in stato d’ebbrezza ed il ritiro della patente. Scontata, nei suoi confronti, anche la doppia denuncia per omicidio stradale e lesioni stradali gravi.

Il sostituto procuratore Mara Giovanna de Donà che si occupa del caso ha anche disposto il sequestro del mezzo, ma non è intenzionata a disporre l’autopsia sul corpo del 22enne di Noventa deceduto, in quanto la dinamica è chiara. —

© RIPRODUZIONE RISERVATA

 

Pubblicato su Il Mattino di Padova