• Home
  •  > Notizie
  •  > L’addio a Chiodetto Omicidio stradale investitore indagato

L’addio a Chiodetto Omicidio stradale investitore indagato

MASERà

Sulla morte di Luigi Chiodetto la Procura ha aperto un’inchiesta per omicidio stradale: l’indagato è il 25enne di Camposampiero alla guida dell’auto che la mattina dello scorso 5 ottobre ha travolto il pensionato 84enne ad Albignasego, lungo la strada provinciale. Al giovane la Polizia Locale dell’Unione Pratiarcati ha ritirato la patente e contestato anche l’eccesso di velocità perché in quel tratto di strada, interessato da un cantiere, il limite è di 30 chilometri orari.

I vigili di Albignasego hanno appurato che al momento dello scontro con l’anziano, che si trovava con la sua bici sulle strisce pedonali, il giovane stava viaggiando ad una velocità superiore. Vista l’entità della multa, 87 euro, l’auto probabilmente non aveva superato i 50 l’ora ma in quel punto, proprio per una questione di sicurezza legata alla presenza del cantiere, il limite ridotto ai 30 orari è chiaramente segnalato.

Sia l’auto che la bici dell’anziano sono state poste sotto sequestro, inoltre la Polizia locale ha inviato alla Procura anche alcune testimonianze sull’incidente. Resta da chiarire se Chiodetto, come sostenuto detto i familiari fin al primo momento, stesse attraversando sulle strisce con la bici a mano. Ieri pomeriggio intanto a Bertipaglia in tanti hanno voluto dare l’ultimo saluto al pensionato, molto conosciuto e stimato in paese per la sua lunga attività nell’edilizia. In tanti anni di lavoro Chiodetto ha contribuito allo sviluppo edilizio di buona parte dei due centri abitati, costruendo decine e decine di abitazioni. Le offerte raccolte in occasione del funerale sono andate, per volontà del figlio Walter e della moglie Edda all’associazione “Nuova Famiglia” che si occupa di una casa famiglia per l’accoglienza dei bambini di strada in Brasile. —

Nicola Stievano

Pubblicato su Il Mattino di Padova