• Home
  •  > Notizie
  •  > Lutto a Carbonara: Martina si spegne a 17 anni per una malattia

Lutto a Carbonara: Martina si spegne a 17 anni per una malattia

L’addio nella chiesa parrocchiale. La famiglia chiede che eventuali offerte vadano a Team for Children che collabora con il reparto di Oncoematologia pediatrica dell’Ospedale di Padova

ROVOLON. Martina Costa aveva solo 17 anni e tutta la vita davanti. La malattia contro la quale combatteva da qualche anno ha purtroppo avuto il sopravvento.

Si è spenta serenamente, come la famiglia ha voluto precisare nell’epigrafe con la quale si annunciava la cerimonia funebre per porgerle l’ultimo saluto, che si è svolta venerdì 2 sttembre nella chiesa parrocchiale di Carbonara di Rovolon, dove viveva con i genitori e il fratello.

Genitori che hanno voluto mantenere un composto e doloroso riserbo, per rispetto a Martina, che voleva essere ricordata per come era quando stava bene e non certo come una ragazzina ammalata. Anche nel corso degli anni in cui aveva fatto avanti e indietro dall’ospedale di Padova non aveva fatto pesare la sua malattia a nessuno, non l’aveva resa pubblica, preferendo convogliare le proprie energie sulla guarigione, senza impensierire i suoi cari e gli amici che le stavano accanto.

Lo stesso riserbo è quello che in queste ore mantiene la comunità di Carbonara, comprensibilmente addolorata per la sua scomparsa e vicina in queste ore alla sua famiglia, parte di una comunità molto piccola, dove ci si conosce quasi tutti.

Purtroppo la giovane vita di Martina si è dovuta scontrare contro la malattia, che in tanti casi nei bambini e negli adolescenti ha esito fatale. Ecco perché la famiglia, consapevole dell’importanza della ricerca scientifica, ha chiesto anziché di acquistare fiori per il funerale, di devolve eventuali offerte all’associazione Team for Children che collabora con il reparto di Oncoematologia pediatrica dell’Ospedale di Padova, fornendo materialmente e psicologicamente un aiuto alle famiglie dei bambini e dei ragazzi malati e supportando il lavoro degli specialisti.

Pubblicato su Il Mattino di Padova