• Home
  •  > Notizie
  •  > Già altre due vittime sempre nel periodo delle feste

Già altre due vittime sempre nel periodo delle feste

PIACENZA D’ADIGE. La provinciale 91 sceglie un’altra volta un giorno di festa per fare da teatro a una tragedia. Giovedì, nel giorno di Natale, è toccato al cinquantenne Severino Nallio. Quattro...

PIACENZA D’ADIGE. La provinciale 91 sceglie un’altra volta un giorno di festa per fare da teatro a una tragedia. Giovedì, nel giorno di Natale, è toccato al cinquantenne Severino Nallio. Quattro anni fa, sempre a Natale, lungo la “Moceniga” aveva perso la vita Luigina Garbin, commerciante di 54 anni di Este. La donna era al volante della sua Fiat Uno quando, ai confini tra Ponso ed Ospedaletto Euganeo, perse il controllo del suo mezzo e finì violentemente contro un platano. Anche lei stava raggiungendo la famiglia per il pranzo natalizio. La donna era titolare di un negozio di giocattoli molto conosciuto ad Este. A pochi metri dall’incidente di giovedì e sempre in pieno periodo di festività natalizie, il 4 gennaio 2010 era morto sulla “Moceniga” Mirko Mattiolo, 27 anni, operaio di Badia Polesine. Tradito dal ghiaccio, il polesano si schiantò con la sua Renault Megane contro uno dei platani che si trovano appena giù dal ponte di ferro di Valli Mocenighe. Si tratta di una delle provinciali più pericolose della provincia: le vite spezzate sulla 91 non si contano, a partire da quella di Matteo Rosante, calciatore e cantante atestino di 29 anni, anch’egli vittima di un platano nel febbraio dell’anno scorso. (n.c.)

Pubblicato su Il Mattino di Padova