• Home
  •  > Notizie
  •  > Diventa un mistero la fine del piccolo Rocky

Diventa un mistero la fine del piccolo Rocky

LOREGGIA. Fa discutere il caso di Rocky, il cagnolino trovato morto vicino a una casa di via Carpane a Loreggiola. Il 61enne accusato da una vicina di aver ucciso la bestiola si difende: «Non sono...

LOREGGIA. Fa discutere il caso di Rocky, il cagnolino trovato morto vicino a una casa di via Carpane a Loreggiola. Il 61enne accusato da una vicina di aver ucciso la bestiola si difende: «Non sono stato io». Rocky, meticcio di 4 anni di una famiglia straniera, era l’amico fedele di un 13 enne. Il cane è stato trovato morto dal 61enne e subito una vicina gli ha puntato il dito contro. «Ma io amo gli animali», ribatte il pensionato, «e non farei mai loro del male». Quella notte il meticcio era riuscito a scappare dal giardino. Secondo la vicina sarebbe finito nella proprietà del sessantunenne, che ha una femmina di pastore tedesco. «Che però anche quella notte, come sempre, era dentro casa», chiarisce il pensionato. «La mattina, quando sono uscito, ho trovato Rocky morto nel campo vicino alla mia recinzione e ho chiamato subito i vigili». Secondo il pensionato, messo sotto accusa dalla vicina che non è la proprietaria del cane, «il cagnolino potrebbe essere stato ammazzato da qualcun altro e poi abbandonato vicino casa». Ma la vicenda non è passata inosservata agli attivisti di Centopercento animalisti: nella notte tra giovedì e venerdì hanno affisso un cartello vicino all’abitazione del pensionato. «È stata un’amara sorpresa», sottolinea il 61enne, «sono disponibile a un confronto aperto e leale con gli animalisti. Che vengano pure a trovarmi a casa per vedere come tratto i miei animali: non ho nulla da nascondere». «Nei prossimi giorni andrò dai carabinieri», chiude il pensionato, «sporgerò denuncia contro ignoti». A stabilire la morte di Rocky sarà l’autopsia che verrà effettuata nei prossimi giorni dai veterinari dell’Usl 15. (v.m.)

Pubblicato su Il Mattino di Padova