• Home
  •  > Notizie
  •  > Mamma celò la morte del figlio e ne intascava la pensione

Mamma celò la morte del figlio e ne intascava la pensione



Per nove mesi ha indebitamente intascato la pensione del figlio disabile morto nell’agosto del 2018. Ora, la procura della Repubblica di Treviso presenta il conto a Giovanna Di Taranto, 72 anni, la donna che fino al maggio 2019 ha vegliato in casa il corpo del figlio cinquantenne Vittorio Chies e per altrettanti si è presentata regolarmente alle Poste di piazza Vittoria a Treviso, come tutore, a ritirarne la pensione d’invalidità da 900 euro. Pochi giorni fa gli uomini della squadra mobile della questura le hanno notificato una doppia denuncia per truffa aggravata ai danni dello Stato e occultamento di cadavere.

Nel corso delle indagini, partite all’indomani del 20 maggio 2019, quando nell’abitazione di via Castellana 16 a Treviso fu trovato il corpo mummificato del figlio dell’anziana, gli agenti della questura hanno scoperto che Giovanna Di Taranto per nove mesi aveva nascosto a tutti la morte del figlio, comportandosi con i vicini, come se nulla fosse successo. A scoprire il dramma di via Castellana furono gli agenti della questura, sollecitati dalla figlia dell’anziana, che vive a Milano, preoccupata perché da giorni la madre non le rispondeva al telefono e soprattutto sollecitata dall’amministratore di condominio che aveva ricevuto da parte degli inquilini della palazzina lamentele sempre più frequenti per il cattivo odore che usciva dall’appartamento della madre.

Quando Giovanna Di Taranto aprì la porta ai poliziotti e alla figlia che era arrivata appositamente da Milano, disse candidamente: «Si, ma tanto lui ritorna». Il corpo del figlio fu trovato in stato di avanzata decomposizione con una parte praticamente mummificata adagiato nel letto. Quando poi il cadavere fu caricato in ambulanza lei parlava come se il figlio fosse ancora vivo, confidando che tutto, prima o poi, sarebbe tornato alla normalità di “prima”. L’appartamento, in via Castellana, al momento della scoperta fu trovato in stato di degrado. Era pieno di immondizia e di rifiuti. Nella camera da letto, dove era stato rinvenuto il corpo del figlio le serrande erano abbassate. Indescrivibile lo stato dell’appartamento, con rifiuti accumulati da mesi, se non da anni. Che qualcosa di anomalo stesse accadendo in quella palazzina di via Castellana non lo sospettavano solo i vicini, allarmati per gli odori nauseabondi, ma anche la figlia dell’anziana. «Ho sentito la mamma al telefono» aveva raccontato la donna ai poliziotti, «l’ho sentita strana, per questo ho deciso di partire da Milano».

All’indomani, gli agenti iniziarono le indagini per capire cosa realmente fosse accaduto e se vi fosse stata una ragione, anche inconsapevole, di quel mancato allarme. Nel corso di quei 9 mesi, dall’agosto 2018 al maggio 2019, l’anziana era andata regolarmente a ritirare la pensione del figlio: 900 euro al mese. Ora lo Stato ne chiederà 9.000 indietro. L’anziana è stata indagata dal sostituto procuratore Davide Romanelli per i reati di truffa aggravata ai danni dello Stato e occultamento di cadavere. —

Pubblicato su Il Mattino di Padova