• Home
  •  > Notizie
  •  > Morto nel suo Tir I parenti del camionista vogliono la verità

Morto nel suo Tir I parenti del camionista vogliono la verità

BORGORICCO

Ha suscitato un grande dolore la tragica morte di Paolo Franceschini, l’autotrasportatore di 59 anni deceduto mercoledì pomeriggio in un incidente stradale sulla Diramazione Roma Nord, a Fiano Romano. Franceschini, che lavorava per conto della Nalesso trasporti di via Pelosa, aveva effettuato una consegna a Roma per conto di una ditta di Camposampiero e stava raggiungendo Rieti, dove avrebbe dovuto caricare del materiale da portare al Nord. Mentre percorreva la superstrada si è verificato un tamponamento multiplo fra mezzi pesanti in cui è rimasto coinvolto. Praticamente ha tamponato il camion che lo precedeva ed è rimasto imprigionato nella cabina che si è incendiata. I resti di Franceschini sono stati portati all’ospedale locale ed è già stato assegnato l’incarico a un medico legale per un’eventuale autopsia. Sia la famiglia che la Nalesso si sono affidati ad un legale per verificare cos’è effettivamente accaduto. Scrupoloso e attento, Franceschini era sul camion da una trentina d’anni, il lavoro che faceva era la sua passione. Lascia nel dolore la moglie Antonella Barbiero, i fratelli Roberto e Rosanna e la mamma Rosa. —

Pubblicato su Il Mattino di Padova