• Home
  •  > Notizie
  •  > Venerdì a San Pietro Viminario l’addio a mamma Ilaria, morta a 33 anni. Il compagno era in missione all’estero

Venerdì a San Pietro Viminario l’addio a mamma Ilaria, morta a 33 anni. Il compagno era in missione all’estero

Il funerale di Ilaria Callegari si terrà a Vanzo alle 10.30, mentre giovedì sarà celebrato il rosario. Forte il lutto nella comunità

SAN PIETRO VIMINARIO. Il funerale di Ilaria Callegari, la mamma trentatreenne morta poche ore dopo dopo aver dato alla luce domenica la sua piccola, sarà celebrato venerdì alle 10.30 nella chiesa parrocchiale di Vanzo, frazione di San Pietro Viminario.

Sarà il giorno dell’ultimo saluto, dell’ultima carezza da parte della famiglia e di tutti coloro che hanno amato e voluto bene alla cara Ilaria, la cui salma arriverà dall’ospedale di Padova dove era stata ricoverata domenica in condizioni critiche.

Una comunità distrutta dal dolore, che non riesce a darsi pace per quello che è accaduto alla giovanissima mamma. Ilaria da due anni si era trasferita dalla frazione di Vanzo dove viveva con i genitori, nel quartiere alle spalle del municipio, a pochi passi dal bar in cui domenica mattina ha accusato un malore mentre stava prendendo un caffè.

I titolari del bar Pesa l’hanno subito soccorsa e nell’attesa dell’ambulanza e dell’elisoccorso le hanno prestato le prime cure. I medici, dopo averla stabilizzata sul posto, l’hanno elitrasportata con urgenza nel reparto di Clinica Ostetrica dove un’équipe è riuscita a far nascere la sua bambina con un mese di anticipo.

Un parto cesareo di urgenza, che ha visto venire alla luce una bambina sana, mentre le condizioni della madre si aggravavano di ora in ora. Il compagno Nicola Sadocco, militare rientrato da una missione all’estero lunedì, con i genitori hanno sperato che il quadro clinico potesse mutare e che Ilaria, caduta in coma, potesse prendersi risvegliarsi e prendersi cura della sua piccola appena nata. Le sue condizioni si sono aggravate fino all’ultimo saluto da parte dei famigliari, prima di staccare la spina dei macchinari che tenevano il suo corpo aggrappato alla vita.

Nella casa di Ilaria e del compagno Nicola tutto era pronto per accogliere la neonata, che se non ci saranno complicazioni tornerà a casa tra qualche settimana, tra l’affetto dei nonni e del papà, ma che non potrà mai conoscere l’amore e le attenzioni della sua mamma.

Ad attenderla, oltre ai nonni Sonia e Maurizio, anche la sorellina e la zia Jenny. Ilaria ha lasciato un grande vuoto: era molto conosciuta nella Bassa padovana per aver lavorato prima in un noto ristorante di Vanzo e poi al Kairos, uno dei maggiori locali di intrattenimento di Monselice.

In questi giorni sono stati moltissimi i messaggi di cordoglio dei colleghi e degli amici che ricordano Ilaria come una ragazza piena di energie e di positività, con una grande autoironia e il sorriso sempre stampato nel viso, con due occhi vivaci ed un’acconciatura che metteva allegria.

Il rosario sarà celebrato giovedì alle 20 nella chiesa parrocchiale di Vanzo.  

Pubblicato su Il Mattino di Padova