• Home
  •  > Notizie
  •  > Donna uccisa a Vicenza a colpi di pistola dall'ex compagno. Il killer in fuga ammazza un’altra persona e si toglie la vita

Donna uccisa a Vicenza a colpi di pistola dall'ex compagno. Il killer in fuga ammazza un’altra persona e si toglie la vita

Il femminicidio è avvenuto in strada, la vittima aveva 42 anni. Secondo alcune testimonianze, il killer che si è dato alla fuga è pericoloso e ha fatto esplodere ordigni

VICENZA. Una donna di 42 anni di origine serba è stata uccisa stamane a Vicenza a colpi di pistola dall'ex compagno. L'omicidio è avvenuto in strada, in via Vigolo. La fuga dell’uomo è durata poche ore. È stato trovato morto nel pomeriggio dentro un'automobile, ferma in una piazzola della Tangenziale Ovest di

Vicenza. Sul posto si è recata la Polizia. All'interno dell'auto sarebbe stato visto un altro corpo.

Il femminicidio, del quale si sta occupando la Squadra mobile, è avvenuto nel quartiere Gogna, un'area della periferia di Vicenza, ai piedi dei colli.

La donna aveva appena accompagnato a scuola i due figli e aveva ripreso l'auto per dirigersi in via Vigolo.

Secondo i primi accertamenti degli investigatori, l'ex marito, anche lui di origini serbe, con i quali la vittima forse aveva un appuntamento, ha iniziato a sparare mentre la donna era ancora dentro la vettura.

Dai primi accertamenti è emerso che nei confronti dell'ex compagno era stata emessa nel 2019 un'ordinanza di divieto di avvicinamento alla donna.

Il corpo della donna è stato trovato riverso sull'asfalto vicino alla vettura con cui era giunta sul posto, forse per un appuntamento con l'omicida.

Alcuni residenti hanno riferito ai giornalisti di aver sentito sei spari. Gli investigatori stanno ricostruendo i movimenti della donna, che farebbe lavori domestici in alcune villette della zona. 

L’uomo era pericoloso e armato anche di esplosivi. Il Questore Paolo Sartori ha chiesto l'intervento per le ricerche di un elicotteri e dei reparti speciali, per pattugliare la zona boschiva che si trova ai piedi di Monte Berico.

Dalle testimonianze dei residenti l'uomo allontanandosi avrebbe fatto esplodere due ordigni, sulla cui natura sono in corso accertamenti. 

Poi l’epilogo con il ritrovamento dei due cadaveri in un’auto lungo la tangenziale. 

Pubblicato su Il Mattino di Padova