• Home
  •  > Notizie
  •  > Addio a nonna Emma, padovana di 109 anni fra i più longevi d’Italia

Addio a nonna Emma, padovana di 109 anni fra i più longevi d’Italia

Ha attraversato tutto il Novecento, dando la vita a tre figli otto nipoti e tredici pronipoti. Il funerale domani a Roncaglia

PADOVA.  Se n’è andata serenamente, come del resto serenamente aveva sempre vissuto. Si è spenta nella notte tra domenica e ieri nella casa di riposo di Terranegra, a Padova, Emma Crivellari, nata il 9 ottobre 1909 e da quasi un decennio la persona più anziana di Ponte San Nicolò. Emma Crivellari, vedova di Gaetano Buso, morto nel 1970, aveva abitato fino al 2012 a casa del figlio Franco. Da allora viveva nella casa di riposo “Parco del Sole” di Padova.

Una nonna che aveva attraversato tutto il Novecento e che aveva dato la vita a tre figli, otto nipoti, tredici pronipoti e svariati trisnipoti. Emma parlava e camminava già quando è affondato il Titanic e quando è scoppiata la prima guerra mondiale. Era già in questo mondo quando Giorgio Treves de’Bonfili fondava il Calcio Padova. Emma era attualmente la venticinquesima persona più anziana d’Italia, la quarta in Veneto, la seconda in Provincia di Padova.

Negli ultimi tempi, ogni 9 ottobre, le celebrazioni per il suo compleanno diventavano sempre più sentite e partecipate. Tra i tanti doni che la vita aveva fatto a Emma quella di restare lucida, solare e ottimista fino agli ultimi giorni: solo da un mese il peso enorme dell’età si era fatto sentire sulla sua salute. «Emma è sempre stata dinamica, ottimista, estroversa», racconta la nipote Cristiana, parrucchiera a Ponte San Nicolò, che con la nonna aveva condiviso alla stanza fino a quando se n’è andata di casa per sposarsi.

«Ha sempre avuto voglia di sorridere e di scherzare. Forse proprio queste caratteristiche le hanno permesso di vivere una vita così bella e serena».

Tra i segreti della longevità anche l’affetto di una famiglia che non si è mai tirata indietro e l’ha sempre accudita, anche quando l’età iniziava a farsi sentire. I funerali di Emma si terranno domani alle 15 nella chiesa parrocchiale di Roncaglia. «È stato per noi un vero onore avere Emma nella nostra comunità», la ricorda il sindaco Enrico Rinuncini, «quando l’ho incontrata l’ultima volta, per il suo compleanno, riconosceva ancora le persone e mangiava da sola la sua fetta di dolce. Alla sua famiglia va l’abbraccio di tutta la comunità». —

 

Pubblicato su Il Mattino di Padova